• NaraMe Editor

Coronavirus e Social Media: Facebook, Instagram e Whatsapp uniti per la causa!



È un momento molto delicato per tutto il mondo che, per la prima volta dopo decenni, affronta una sfida importante contro il virus Covid-19. Ecco perchè le maggiori piattaforme social sono scese in campo per supportare la causa: da qualche giorno Facebook, Instagram e Whatsapp si sono uniti per dare un’informazione precisa in un momento così delicato. Vediamo come.

OMS chiama, Whatsapp risponde

Partiamo dalla piattaforma di messaggistica più utilizzata nel mondo occidentale – sì, va ricordato che in quello orientale quella più utilizzata è Wechat! – ossia Whatsapp, di proprietà del gigante Facebook. Dopo aver constatato la gravità della situazione a livello mondiale, dovuta dalla diffusione incontrollata del contagio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha deciso di instaurare una collaborazione con la piattaforma di messagistica per creare un Chatbot – servizio di risposta automatica – per supportare gli utenti che hanno dubbi o domande sul Coronavirus.

Come funziona?

Il servizio permetterà di sapere in tempo reale la mappatura dei contagi, informerà su come proteggersi in maniera efficace dal contagio e anche sulle domande più comuni collegate al virus. Anche se il servizio è ancora in fase di test, si parla di una rapida messa online data l’emergenza.


Fake News no more: Facebook scende in campo

Si sa che i social media sono sempre stati fucina di contenuti non sempre veritieri che spesso hanno causato grossi problemi a livello sociale e di sicurezza personale, oltre alla formazione di correnti di pensiero fondate su informazioni sbagliate ma che hanno comunque creato veri e propri disastri – vedi il movimento mondiale dei novax.

Ecco perchè anche in questo caso, e in maniera più decisa rispetto al passato, Facebook è sceso in campo con un controllo stringente sulle news che vengono pubblicate, così da evitare fake news che possano danneggiare i comportamenti dei cittadini in un momento così delicato dove lo shutdown sta venendo applicato sempre da più stati.

#Stayhome : Instagram e l’hashtag mondiale

Da subito utilizzato non solo dagli influencer, ma anche dagli utenti che, costretti tra le mura domestiche, hanno iniziato a condividere immagini e video più o meno divertenti della loro quarantena. Il primo hashtag ad essere lanciato è stato quello italiano #iorestoacasa che è stato subito preso come spunto dalla piattaforma per crearne uno mondiale #stayhome dove ogni minuto vengono condivise le IG Stories di coloro che restano a casa. In questo modo si vogliono incoraggiare tutte le persone coinvolte nello shutdown a rispettare le regole, soprattutto la generazione dei giovani che, assieme a quella degli anziani, è stata definita come la più disubbidiente.


Fonte: https://www.businessinsider.com/who-launches-whatsapp-chatbot-coronavirus-information-2020-3?IR=T

Logo Narame (Large Size) .png